Marketing per hotel

Promuovere un hotel: i concetti principali di questo pilastro del marketing

Promuovere un hotel: da cosa possiamo partire? E cosa dobbiamo considerare per impostare una corretta strategia di vendita? Come magari sai già, la promozione è una delle cosiddette quattro P del marketing (le altre sono il prodotto – product, il prezzo – price, e il punto vendita – place). Qualunque piano di marketing, su cui si basa il successo di un’impresa, è costruito partendo da questi quattro pilastri.

 

Promuovere un hotel: le vendite sono una conseguenza di una corretta strategia di promozione

Nel caso di una struttura ricettiva la promozione si lega al punto vendita poiché, soprattutto nelle strategie di marketing più semplici, la promozione avviene tramite il canale stesso dal quale viene fatta la vendita. Il caso tipico e più semplice è quello di una struttura ricettiva che si inserisce su Booking.com. E da lì aspetta che arrivino le prenotazioni. Il questo caso Promotion e Place avvengono nello stesso posto.

Però è bene distinguere le due attività, perché le vendite avvengono sempre sulla base di una buona promozione. Quindi anche vendendo solo su Booking.com, la parte di promozione gioca un ruolo importante nella resa del canale, come abbiamo visto in precedenti articoli.

Per le strutture ricettive che vogliono aumentare le proprie vendite dirette la parte di promozione è quella su cui mettere maggiormente l’accento e che viene invece spesso trascurata, perché le vendite sono la conseguenza di una buona e coerente strategia di promozione.

 

promuovere un hotel

 

Promuovere un hotel: gli aspetti principali 

Gli aspetti principali di una buona promozione sono:

1

La massimizzazione e ottimizzazione della presenza e comunicazione online su tutti i canali diretti e intermediati che abbiano un buon ritorno sull’investimento di tempo per seguirli.

2

La fidelizzazione degli ospiti attraverso un’esperienza positiva durante tutto il “customer journey”. Ovvero, prima della prenotazione, alla prenotazione, prima dell’arrivo, durante il soggiorno, alla partenza e infine dopo la partenza incentivando il ritorno e/o il consiglio ad amici (referral).

3

La gestione della reputazione online. Lavorare sul miglioramento continuo, sapendo che ogni punto in più nella reputazione ti può far vendere a prezzi più alti dei competitor, e quindi marginare di più. Decidendo poi, con il minor sforzo e con la massima resa, dove intervenire sulla struttura fisica e sul servizio al cliente (il “prodotto”). Monitorare continuamente e meticolosamente i feedback dei clienti offline e online.